Passion for Timber

27.01.2017

Pfeifer espande le sue attività in Europa. L’obiettivo: 650 milioni di euro di fatturato.

©

Pfeifer Holding, uno dei principali protagonisti dell'industria del legno europea, con sede in Austria, nel 2017 prevede ancora crescita. La società a conduzione familiare tirolese sta pianificando un aumento delle vendite di circa il tre per cento nel prossimo anno. Le attività di vendita sono focalizzate principalmente in Europa.

La crisi dei mercati finanziari, internazionali e la rapida evoluzione globale negli anni passati hanno apportato delle variazioni nel settore del legno. Pfeifer ha attraversato la crisi senza subire danni, grazie all’equilibrata gamma di prodotti, all’elevata flessibilità e ai rapporti affidabili col commercio del legname e dei materiali da costruzione. Nel 2016 la Pfeifer Holding GmbH ha ricavato 628 milioni di Euro di cui l’82 percento nei sei mercati principali: Germania, Italia, Austria, Svizzera, Francia e Spagna. Il restante 18 percento negli altri 84 paesi di tutto il mondo. Negli anni a venire la percentuale del mercato europeo è destinata a salire al 90 percento. Pfeifer ha otto stabilimenti in Austria, Germania e Italia e 2000 dipendenti.

L’amministratore delegato Michael Pfeifer e il team vendite allo stand della fiera di Monaco. Un totale di 15 collaboratori si è occupato dei clienti e dei partner che hanno visitato lo stand Pfeifer alla fiera.  tra questi: Robert Giugni, Philipp Schranz, Hermann Egger, Michael Pfeifer, Hynek Mandula, Ibou-Kebe Diouf, Ingo Meitinger, Claus Greber, Gregor Triltsch.

SVILUPPO POSITIVO GRAZIE AL NUMERO CRESCENTE DI COSTRUZIONI IN LEGNO E ALL’USO DELLA BIOENERGIA

’’Noi usciamo da uno sviluppo positivo del mercato europeo. Il trend del legno è costante. Molti alloggi rifugiati sono attualmente in fase di realizzazione con costruzioni in legno e i biocarburanti svolgono un ruolo sempre più importante come alternativa all'olio e al gas nella produzione di calore. Una tendenza da cui traiamo maggior vantaggio in Austria, Germania e Italia. Aree in cui puntiamo ad aumentare il fatturato di quest’anno di tre punti percentuali, ossia di salire a circa 650 milioni di Euro’’, ha spiegato Michael Pfeifer, amministratore delegato della Pfeifer Holding GmbH, in occasione della ’’Bau München’’. Si tratta di una fiera di settore internazionale che ha luogo ogni due anni, in questo caso dal 14 al 19 gennaio 2017. Pfeifer sfrutta la fiera in modo tradizionale come piattaforma per attività commerciali e per uno scambio con i principali opinion leader del settore. Hanno partecipato alla fiera 2.000 espositori da 42 paesi e 250.000 visitatori.

Nel 2017 Pfeifer punta a una crescita del tre percento. La maggiore collaborazione proverrà dal settore del commercio dei legnami e del materiale da costruzione.

IL MERCATO DEL FUTURO: I COMBUSTIBILI BIOLOGICI

Le prospettive di fatturato per Pfeifer però non si basano esclusivamente sul settore dei materiali da costruzione. ’’Lo scorso anno i combustibili biologici e soprattutto i pellet hanno acquisito maggiore importanza. Una tendenza questa, destinata a crescere’’, ha commentato Pfeifer. Attualmente circa il 20 percento del fatturato proviene dal mercato dei carburanti biologici in rapida evoluzione, di cui il 25 percento è composto da tavolame, tavolame per imballaggio, inclusi i blocchetti per pallet, il 17 percento dalle casseforme per calcestruzzo e il 13 percento dai prodotti per l’edilizia in legno.

RICETTA DEL SUCCESSO DINAMICA E FLESSIBILITA

Ingo Meitinger, direttore vendite Pfeifer, spiega il successo di questa azienda familiare tirolese,tra l'altro con l'elevata flessibilità e adattabilità di Pfeifer Holding. ’’Dal 2004 al 2008, abbiamo sperimentato un vero e proprio boom del legno nei paesi dell'Europa meridionale, a cui l'industria ha risposto molto rapidamente ampliando le capacità. Il calo delle vendite nel corso della crisi finanziaria internazionale ha portato ad un adeguamento del mercato. E’ sopravvissuto chi è stato in grado di reagire rapidamente’’.

LE INSICUREZZE POLITICHE RENDONO I MERCATI POCO ATTRAENTI

Una motivazione fondamentale per la concentrazione perseguita sui mercati europei è rappresentata dalle incertezze politiche. ’’I prodotti in legno di Pfeifer sono molto amati a livello internazionale proprio per la loro qualità. Nonostante ciò è difficile valutare come si svilupperanno in futuro mercati quali: la Turchia, l’Ucraina e gli USA e in ambito asiatico. Questo è anche uno dei motivi per cui siamo incentrati sul mercato locale’’. Ha affermato Meitinger.

Accept
More Information
This website uses cookies for the anonymous analysis of the website behaviour of its visitors. The purpose of these cookies is to improve the supply of information offered. If you do not want this, you can individually manage the cookie setting in your browser and deactivate the placement of cookies. Otherwise, we assume that you agree. With the use of this site you accept our data protection statement.